Shampoo per capelli secchi con Arnica e Lavanda - Tea Natura Cosmesi


La mia abitudine ad affezionarmi alle abitudini mi ha scoraggiato per anni a provare il prodotto di cui ci accingiamo a parlare oggi: lo Shampoo per capelli secchi con Arnica e Lavanda di Tea Natura Cosmesi.
Sono sempre stata incuriosita dagli Shampoo TEA sia per le innumerevoli recensioni positive sia per la scelta dei tensioattivi in formulazione, ma non mi sono convinta ad acquistarne uno fino a questa estate perché adoro alla follia gli Shampoo Fitocose: sono molto restia a cambiare i prodotti della mia routine se penso che non ce ne sia particolare bisogno, ma è giusto appagare la propria curiosità!
Dunque, questa sarà una recensione basata sul confronto tra gli Shampoo Tea Natura e gli Shampoo Fitocose.


Pro: profumo, potere lavante, consistenza
Contro: sul lungo termine secca un po' i capelli
Reperibilità: ecobio store online (io l'ho acquistato qui!)
Prezzo: € 6.00 per 200 ml
INCI: Aqua, Disodium cocopolyglucose citrate, Caprylyl/capryl glucoside, Sodium lauroyl sarcosinate, Sodium lauroyl glutamate, Glycerin, Sodium chloride, Yucca vera extract, Arnica montana extract, Lavandula angustifolia oil, Acetum

Premessa: Tea Natura Cosmesi ha cambiato le confezioni degli shampoo!
Questo che vedete in foto ha ancora il vecchio packaging, adesso il contenitore è nella molto più pratica plastica riciclata.
Per comodità ho trasferito lo shampoo in un vecchio contenitore, come aveva consigliato Silvia nella sua review (click!).


La confezione in vetro scuro ha un gusto retrò che mi piace moltissimo e può essere riutilizzata a casa per diversi scopi.
Tuttavia, l'aspetto pratico lascia molto a desiderare: il vetro, nella doccia con il vapore, le mani bagnate e insaponate tende a SCIVOLARE!
L'utilizzo del vetro è senz'altro una scelta dettata dall'attenzione del brand per l'ambiente, ma non bisogna dimenticare la praticità: l'impiego della plastica riciclata è un ottimo compromesso.

Il prodotto si presenta come un classico shampoo trasparente e abbastanza liquido.


Prima di iniziare la recensione, vorrei precisare che i miei capelli sono lunghi, mossi e spessi e che uso da 3 anni solo ed esclusivamente prodotti ecobio per lavarli, districarli e nutrirli.

Tutti gli Shampoo TEA (antiforfora con Betulla ed Ippocastano, capelli secchi con Arnica e Lavanda, capelli grassi con Ortica e Rosmarino e lavaggi frequenti) ad eccezione di quello al Ghassoul hanno lo stesso INCI (che potete vedere analizzato in questo post) e che ciò che varia sono solo gli estratti vegetali in fondo alla formulazione; per gli Shampoo Fitocose la questione si fa più articolata.
Fondamentalmente, per gli ultimi si possono distinguere tre categorie:
  1. Jalus Shampoo, Shampoo-doccia alla corteccia di Quillaia, Shampoo al Tea-tree oil, Shampoo all'Ortica e Tea-tree oil hanno come tensioattivi il Lauryl glucoside, Sodium lauroyl glutamate, Disodium Cocoplyglucoside citrate e Decyl glucoside (in questo ordine)
  2. Shampoo al Germe di Grano, Shampoo al Miglio, Shampoo al Propolis, Shampoo all'Aloe, Shampoo alla Viola Tricolor e Shampoo alle Mucillaggini hanno come tensioattivi Sodium cocoamphoacetate, Lauryl glucoside, Sodium cocoyl glutamate, Sodium lauryl glucose carboxylate (in questo ordine)
  3. Shampoo al Thé Verde in formulazione ha Sodium lauroyl sarcosinate, Sodium cocoyl glutamate, Decyl glucoside, Lauryl glucoside

La categoria di shampoo che ho sempre utilizzato fin dall'inizio del mio passaggio all'ecobio è la seconda e il potere lavante mi ha sempre soddisfatta.
Ad eccezione di Jalus Shampoo, non ho mai provato i prodotti delle altre categorie sia per gusto personale sia perché non corrispondono alle esigenze del mio tipo di capello.

I glucosidi in teoria sono tensioattivi migliori rispetto a quelli della seconda categoria di Shampoo Fitocose, perché sono più lavanti e, visto che uno dei problemi principali (che è stato anche il mio) di chi passa all'ecobio è quello che i capelli non vengono puliti fino a che il cuoio capelluto non si è abituato, avere un bel potere lavante senza rinunciare alla derivazione vegetale fa sicuramente comodo.

Ho deciso di usare questo shampoo come sono abituata di solito, quindi diluito: la dose per capelli lunghi circa fino a metà schiena è quella che vedete in foto portata a volume con 100 ml di acqua.


Con questa quantità e i capelli medio-sporchi un lavaggio è più che sufficiente.
Con gli Shampoo Fitocose la dose è esattamente la stessa, ma quello di Tea Natura Cosmesi ha un potere lavante maggiore: ciò lo rende molto più semplice da usare anche per chi è alle prime armi.
Ma Fitocose, a discapito del potere lavante leggermente inferiore, ha una formulazione che farebbe invidia a chiunque: tralasciando i tensioattivi, al secondo posto in INCI (prima degli agenti lavanti) c'è sempre il Gel d'Aloe BIO, più in basso c'è la Glicerina e in quasi tutti l'Inulina.
Negli Shampoo TEA gli estratti vegetali che caratterizzano ciascun prodotto, in formulazione, sono presenti sempre dopo i tensioattivi e il sale.

In generale, lo Shampoo per capelli secchi Arnica e Lavanda mi è piaciuto: lava molto bene, lucida i capelli, ha un buon profumo, ma sul lungo termine (diciamo da mezza confezione in poi) i capelli si sono seccati ed increspati di più; credo che sul mio tipo di capello abbia un'azione detergente un po' troppo elevata.
Considerando tutti i punti menzionati, la mia scelta finale ricade su Fitocose che ha dei tensioattivi meno lavanti ma che rispettano di più i miei capelli.
Mi sento comunque di consigliare gli Shampoo di Tea Natura Cosmesi alle ragazze che stanno passando all'ecobio o che vogliono utilizzare prodotti più naturali per la loro haircare routine senza troppe scocciature.


Spero di esservi stata utile

Chicuta




0 commenti:

Posta un commento

 

Powered by Java

Trucchi Svelati su Instagram!

Analytics

...su Trucchisvelati...