Due conservanti molto famosi: Methylisothiazolinone & Methylchloroisothiazolinone


Ciao ragazze/i,
ecco un altro post di informazione sulle sostanze che potete trovare di frequente negli INCI dei cosmetici e prodotti per l'igiene personale.
immagine presa dalla rete

Oggi parliamo di due conservanti molto utilizzati nell'industria dei cosmetici e dei detergenti in genere: Methylisothiazolinone e Methylchloroisothiazolinone!
Queste sostanze sono vendute a livello industriale in una soluzione 3:1 chiamata Kathon CG, infatti, se ci avete fatto caso, le troviamo sempre in coppia negli INCI.
Il Kathon è presente nei prodotti per la cura personale (creme, saponi, detergenti, tonici, struccanti), detersivi di ogni sorta, colla (anche quella degli assorbenti e salvaslip) e vernici.
Sono conservanti davvero molto efficaci ma altrettanto aggressivi e hanno la funzione di controllare la crescita microbica e fungina nell'acqua contenuta nei prodotti.
Dopo che gli operai delle industrie producenti il Kathon mostrarono molteplici reazioni allergiche di tipo dermatologico furono eseguiti ulteriori studi tossicologici e risultò che questi conservanti hanno un potere allergizzante e citotossico: nello specifico, il Methylisothiazolinone è potenzialmente un neurotossico (ad alte concentrazioni o in forma pura), mentre il Methylchloroisothiazolinone è un irritante per la pelle nonchè un allergene per circa l'1,7% degli individui (tra cui io :D yeah!).
Inoltre, sono tossici per gli invertebrati marini e i pesci.
I sintomi comuni di una reazione allergica dovuta a queste sostanze sono eczema e dermatite su testa, mani e polsi che spariscono dopo un periodo di circa 2-3 settimane di mancata esposizione.

La mia esperienza: la scorsa estate la mia solita dermatite sulle mani dovuta, da circa una decina di anni, solo al contatto con i pomodori (perchè contengono nickel) ha preso campo e ha iniziato a presentarsi in seguito a contatto e ingestione di ananas, kiwi, zucchine, melone, pesca e fragole sottoforma di sfoghi circolari in rilievo che andavano a ricoprire tutta la mano e parzialmente il polso.
Sono andata in ospedale per fare il patch test che è l'esame diagnostico per capire quali sostanze (allergeni) causano le dermatiti da contatto; i risultati sono stati questi due conservanti, il nickel e il Tektamer38 (conservante) ed in effetti, dopo aver toccato la frutta, sentivo prudere, così mi lavavo le mani in cucina con il sapone dei piatti -.-'
Non era la frutta la causa prima della dermatite, ma anni di uso di bagnoschiuma, shampoo, struccante e detersivi per la casa contenenti queste sostanze, che ha avuto come conseguenza una sensibilizzazione graduale della cute!
La parte del nostro corpo che manifesta l'allergia è di solito quella che viene più a contatto con l'allergene, ma questa non è una regola sempre valida; ad esempio se la reazione si manifesta sul cuoio capelluto non significa che l'allergene in questione si comporti da tale solo per questa zona!


Ovviamente questa è la mia esperienza personale però ho pensato di condividerla con voi, ognuno sceglie liberamente che prodotti usare.
Non è detto che a tutti diano fastidio queste sostanze, visto che sono presenti, per la maggior parte delle volte, a metà o in fondo all'INCI e comunque, come abbiamo visto nel post dedicato a SLES e SLS, non sono presenti in forma pura nei prodotti che usiamo ma in forma diluita...però è sempre meglio essere informati!


Spero di esservi stata utile


Chicuta

0 commenti:

Posta un commento

 

Powered by Java

Trucchi Svelati su Instagram!

Analytics

...su Trucchisvelati...