Polvere di cacao crudo in faccia? Raw Chocolate Face pack - Raw Gaia -


Ciao ragazze/i,
oggi vorrei parlarvi di una maschera golosissima in polvere che abbiamo avuto l'opportunità di provare grazie a Tom di Raw Gaia: la Raw Chocolate Face Pack.


Pro: INCI ottimo, prodotto in polvere e versatile
Contro: la preparazione proposta dal sito non è troppo adatta alle pelli secche
Reperibilità: click! ma per l'Italia il rivenditore di fiducia è CacaoPuro
Prezzo: £ 10,99 ovvero € 12,94 per 50 gr
INCI: Organic cold-pressed cocoa powder, Sun-dried red clay, Organic turmeric powder, Organic amla fruit powder

Cosa ne dice Raw Gaia: "E' costituita da quattro ingredienti naturali accuratamente scelti per le loro proprietà nutritive: polvere di cioccolato grezzo, che è la più grande fonte conosciuta di antiossidanti nel mondo, argilla rossa, polvere del frutto dell'amla e curcuma.
La maschera al cioccolato di Raw Gaia pulisce delicatamente la pelle e aiuta ad eliminare le tossine, è adatta ad ogni tipo di pelle sia degli uomini che delle donne" (dal sito rawgaia.com)

Ma vediamo uno per uno da vicino gli ingredienti di questa maschera:

Polvere di cacao cruda: secondo analisi di laboratorio la Polvere di cioccolato crudo contiene circa 955 unità ORAC/gr (capacità di neutralizzazione dei radicali dell'ossigeno cioè i radicali liberi): la forma cruda del cioccolato contiene il 367% di antiossidanti in più rispetto alla versione cotta.

Ma che cosa sono i radicali liberi?

I radicali liberi sono dei composti chimici dell'ossigeno (ROS) caratterizzati da una struttura instabile che li rende fortemente reattivi e quindi in grado di interagire con altri composti, ovvero altri radicali, oppure con proteine, lipidi o acidi nucleici (DNA e RNA) delle nostre cellule.
I principali danni sono a carico della membrana plasmatica cellulare e si riflettono maggiormente, a livello tissutale, nel tanto discusso invecchiamento precoce.

TUTTI i giorni veniamo a contatto con radicali liberi e in parte vengono prodotti anche dal nostro organismo durante determinati processi biologici fisiologici.
Madre natura ha pensato ad un'arma con la quale creare un equilibrio per far fronte al danno da ROS: gli antiossidanti.
I maggiori antiossidanti sono le vitamine E, C e A, il coenzima Q10, il licopene, i polifenoli, l'ubichinone e il glutatione!
Quindi ragazze è importante cercare di integrare con la dieta la nostra produzione naturale di antiossidanti e se anche i cosmetici li hanno nella loro formulazione, beh meglio così!

Argilla rossa essiccata al sole: ricca di oligoelementi e sali minerali, soprattutto di ferro; è' ideale per la tonificazione, la pulizia e per illuminare l'incarnato
E' delicata e adatta anche alle pelli più sensibili che tendono ad avere un eccesso nella produzione di sebo.

Curcuma organica: è stata usata per secoli per donare un colorito sano alla pelle e per renderla morbida, uniforme e liscia.
In India è tradizionalmente usata contro le macchie cutanee dovute ad una pigmentazione irregolare, infatti è adatta anche per trattare eczemi, psoriasi e acne.

Polvere del frutto di Amla biologica: l'amla è una pianta tipica della tradizione ayurvedica ed è ben nota per le sue meravigliose qualità su pelle e capelli per l'alto contenuto di vitamina C.



Ma qual'è il ruolo della vitamina C in quanto antiossidante?

L'attività antiossidante della vitamina C viene espletata insieme alla vitamina E e al glutatione: questo anello antiradicalico vede il verificarsi di reazioni chimiche a cascata allo scopo di neutralizzare i danni dei ROS.
La modalità di funzionamento è definita "azione scavanger": le forze antiossidanti citate in precedenza si sacrificano reagendo con i radicali liberi, salvando substrati ben più preziosi (i doppi legami C=C degli acidi grassi della membrana plasmatica), diventando radicali liberi esse stesse.
L'anello antiradicalico formato dalla vitamina C, dalla vitamina E e dal glutatione agisce in sequenza: la vitamina E è liposolubile e risiede a livello della membrana plasmatica, quando un radicale giunge in sua prossimità essa reagisce e si radicalizza.
La vitamina E così radicalizzata deve essere neutralizzata per non creare danni a sua volta, qui interviene la vitamina C.
La vitamina C così radicalizzata viene neutralizzata dal glutatione che chiude il ciclo delle difese antiossidanti qui prese in considerazione.


Cosa ne penso io: la consistenza polverosa possa essere poco pratica, ma il prodotto si conserva meglio e la maschera viene preparata fresca al momento!
E' un prodotto ottimo e soprattutto molto versatile (proprio perchè in polvere)!

Cosa ne pensa Des: oltre ad averlo trovato un prodotto ottimo come maschera viso (ma io devo ancora sfruttare la splendida ricetta ideata da Chicuta per adattarla alle pelli secche come la mia!) per la pulizia, ho notato che rende la pelle più elastica, luminosa e liscia.
La chicca sta nel profumo, provare per credere ;)



Sul sito di Raw Gaia consigliano di mescolare un cucchiaino di maschera e di aggiungere quanto basta di acqua in modo da formare un composto omogeneo.
Ho pensato che questo tipo di preparazione avesse un' azione troppo assorbente non adatta a tutti i tipi di pelle!
Così ho fatto un esperimento: ho preparato due "ricette diverse" e le ho applicate ciascuna su metà viso ;)

a sinistra ricetta 2, a destra ricetta 1

Dosi per una maschera monodose applicabile su tutto il viso:
  • Ricetta 1: un cucchiaino e mezzo di maschera + due cucchiaini e mezzo di acqua fredda 
  • Ricetta 2: un cucchiano e mezzo di maschera + un cucchiaino di yogurt bianco magro + 3 gocce di olio di jojoba + mezzo cucchiaino di miele
Accorgimenti: se vedete che la maschera risulta troppo liquida aggiungete un po' di polvere, viceversa se risulta troppo solida aggiungete acqua se seguite la ricetta 1, o yogurt se seguite la ricetta 2.

a sinistra ricetta 1, a destra ricetta 2

Le consistenze risultanti sono molto diverse: la prima essendo a base acquosa è più liquida e una volta asciutta si trasforma in uno strato regolare che assorbe molto il sebo in eccesso; la seconda, contenendo agenti idratanti (yogurt, olio di jojoba e miele), risulta più corposa e in grado di compensare l'effetto disseccante, senza però vanificare il potere purificante e l'azione degli antiossidanti!

In conclusione, io consiglio entrambe le ricette alternate di settimana in settimana per le pelli grasse, la ricetta 1 sulla zona T e la ricetta 2 sul resto del viso per le pelli miste e solo la ricetta 2 per le pelli normali.
Per le pelli secche e molto secche consiglio la ricetta 2 aumentando il quantitativo di olio di jojoba e l'impiego di yogurt bianco intero.



Si tratta di un prodotto adatto anche a vegetariani e vegani.

Spero proprio di esservi stata utile!

Ciao ragazze, alla prossima!
Chicuta e Des



Il prodotto ci è stato inviato gratuitamente a scopo valutativo dall'azienda.
Non siamo pagate per parlarne e questo post è frutto della nostra esperienza personale.

0 commenti:

Posta un commento

 

Powered by Java

Trucchi Svelati su Instagram!

Analytics

...su Trucchisvelati...